L’osteria con il buco nel calzino

0
702

Io il Mecenate l’ho frequentato assai assiduamente quando si trovava nella sua sede originaria, alla Gattaiola, su in collina, alle porte di Lucca. Mi davano giovamento il luogo, naturale dissuasore di malinconie, il pensiero non omologato di un oste ostinato, la cucina affettuosa, semplice ma accurata di sua moglie Sole.

Dal trasferimento in città, avvenuto nel 2012 nei suggestivi fossi, luogo di antiche tintorie e lavatoi, ne è scaturito un incredibile successo di pubblico, che fortunatamente non ne ha scalfito gli intenti né corrotto le originarie virtù, anzi: si fa evidenza, oggi, un tasso di consapevolezza e di maturità persino maggiore, nello sviluppare l’idea primigenia di osteria, costruendo la propria ragion d’essere e la propria identità grazie a una fitta rete di piccoli produttori locali per ricavarne tutto, dalle farine alle verdure, dalle carni ai formaggi, dagli oli ai legumi.

E i risultati si vedono.

Questo è il regno di Stefano De Ranieri, oste di rango e persona sensibile, uno dei pochissimi a muoversi come un segugio per scovare l’unicità di prodotti genuini e non artefatti provenienti dal territorio, o comunque dai dintorni; una linea di pensiero ripercorsa anche nella costruzione della carta dei vini, una carta speciale intrisa di referenze Slow, ma veramente Slow, in cui potersi sbizzarrire alle prese con etichette cult del bere bene artigianale, viaggiando in direzione ostinata e contraria.

Il posto è incantevole, l’energia dell’oste intatta, così come il pensiero critico e la coscienza etica di un lavoro di salvaguardia delle piccole produzioni, mentre la cucina di Sole è ancora capace di carpire l’essenza delle cose senza strafare, lasciando parlare le materie prime, reale fondamento di una effettiva diversità.

Cenare all’aperto in piazza San Francesco, poi, ci mette del suo. E’ un luogo che scava nelle intimità di Lucca, restituendoti autenticità e suggestioni. Non lo puoi evitare.

___§___

FERNANDO PARDINI

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here