Anteprima vini di Toscana 2024: Arcipelago Chianti

0
525

Il Chianti è un grande arcipelago fatto di territori ed espressioni vinose, accomunato da un unico nome famoso in tutto il mondo (ricordate ad esempio la citazione ne Il silenzio degli innocenti?) e da una conformazione orografica prevalentemente collinare. Si estende dal nord della provincia pistoiese al sud dei territori di Montalcino, Montepulciano e degli estremi lembi meridionali del senese, attraversando le zone che danno luogo a specifiche geografiche che possono comparire in etichetta: Colli Aretini, Colli Fiorentini, Colli Senesi, Colline Pisane, Montalbano, Montespertoli e Rùfina.

La qualifica Chianti Superiore corrisponde poi ad un disciplinare più restrittivo rispetto all’”annata” in fatto di rese d’uva per ettaro (massimo 95 quintali/ettaro), di gradazione alcolica minima (12%), e di soggiorno in cantina (esce a settembre dell’anno successivo alla vendemmia rispetto al marzo dei vini “base”), ed è in qualche modo intermedia fra l’”annata” e la Riserva per la quale è previsto un invecchiamento minimo in cantina di 24 mesi.

È chiaramente difficile, e sarebbe forse oltretutto sbagliato, cercare dare una connotazione unitaria a tanti territori diversi nonostante la comunanza del sangiovese, dei vitigni complementari autoctoni e non. Senza togliere nulla all’ambizione di questa denominazione nel fare vini “importanti”, avrebbe forse più senso puntare ad un modo per dare ai Chianti uno stile riconoscibile e appetibile in un mercato agguerrito che sappia coniugare la toscanità e la modernità in fatto di spigliatezza di espressione e di vocazione al connubio con la gastronomia, sia essa tradizionale (leggi bistecca, zuppe, ecc.) che più innovativa che vada incontro al “bere giovane”. In numerosi casi questa strada sembra imboccata, visto che le espressioni leggere e leggiadre non mancano; rimangono certo stili e interpretazioni un tantino “vintage” fatte di dolcezze spinte e ingenuità nell’uso del rovere che, oggi, sanno molto di fuori luogo.

Chianti

Chianti I Sodi del Paretaio 2023 – Badia di Morrona (Terricciola-Pisa)
Naso spigliato, arioso, fine e garbato nell’esposizione di fiori e frutti. Pungente in bocca, è croccante e leggero in una beva fresca.

Chianti Antiche Vie 2023 – Beconcini Winery (San Miniato-Pisa)
Purezza di frutto in un naso piacevole; è fresco in bocca grazie ad una acidità pimpante.

Chianti Gentilesco 2023 – Bonacchi (Quarrata-Pistoia)
Ribes nего e mirtillo connotano un naso di espressione assai diretta. È  leggero e dinamico in bocca.

Chianti 2023 – Cantina Gentili (Cetona-Siena)
Naso suadente e di media espressività; in bocca pecca di una certa rigidità.

Chianti 2023 – Casa di Monte (Montespertoli-Firenze)
La dolcezza del frutto è percepibile in un ambito di buona profondità e persistenza. È  morbido e pieno in una beva marcata dalla dolcezza del frutto.

Chianti 2023 – Castello di Gabbiano (San Casciano in Val di Pesa-Firenze)
Un frutto esuberante è affiancato da note di resina e toni boschivi. Ancora sensazioni verdi di menta ed erbe aromatiche in una beva assai fresca. Finale percussivo e saporito.

Chianti 2023 – Castello di Poppiano-Conte Guicciardini (Montespertoli-Firenze)
Naso esuberante e ricco, fra frutto intenso e sfumature balsamiche. Si percepisce una struttura robusta in una beva che va in progressione mantenendosi sempre fresca.

Chianti Santa Caterina 2023 – Castelvecchio in San Casciano in Val di Pesa (San Casciano in Val di Pesa-Firenze)
Olfatto dolce, quasi mielato. Più fragrante in bocca dove si allarga bene e finisce ampio configurando un beva assai dissetante.

Chianti 2023 – Dianella (Vinci-Firenze)
Di colore porpora fitto, mostra un naso ombroso e profondo con prevalenza di sensazioni di frutta nera. Compatto e concentrato, termina increspato da un tannino vivo.

Fattoria La Leccia (Montespertoli-Firenze)
Una intensa confettura di fragola domina un olfatto dai toni acuti. In bocca, scorrevole e con una trama finissima, termina succoso.

Chianti Puro 2023 –  Fattoria Lavacchio (Pontassieve-Firenze)
Olfatto ampio e intenso marcato toni balsamici boschivi; la beva è leggera e coerente, è fresca e pungente nel finale.

Chianti 2023 – Fattoria Uccelliera (Crespina-Pisa)
Naso ancora una pochino chiuso e dominato dalla frutta nera. In bocca una buona progressione e un finale persistente.

Chianti 2023 – Piazzano (Empoli-Firenze)
Colore violaceo fitto e naso intenso, persistente e profondo, ricco di sensazioni, con una prevalenza di frutto nero e note balsamiche. In bocca impatto notevole fin dall’ingresso dove è vinoso, succoso e saporito.

Chianti 2023 – Piccini (Casole d’Elsa-Siena)
Colore cupo e fitto, e al naso una confettura di frutta rosa ribadita in una bocca dai tratti assai maturi.

Chianti 2023 – Podere Pellicciano (San Miniato-Pisa)
Un frutto rosso maturo e suadente è ben contrastato da una fresca linea mentosa. Coerente in una beva progressiva, piena, fragrante e succosa.

Chianti 1877 2023 – Ruffino (Pontassieve-Firenze)
Naso delicatamente fruttato, e buona freschezza in una beva semplice.

Chianti Biskero 2023 – Salcheto (Montepulciano-Siena)
Colore intenso, e sensazioni di frutto caramellato e levigato al naso. Bocca compatta, di buona concentrazione e polpa, scorrevole e fresca, rilascia intense sensazioni nel finale.

Chianti 2023 – Tenuta Coeli Aula (Montespertoli-Firenze)
Ampio e arioso in un naso caratterizzato da una frutta rossa seducente. Conferma in una bocca ampia saporita, e bella energia nel finale.

Chianti Governo all’uso toscano 2023 – Tenuta Coeli Aula (Montespertoli-Firenze)
Frutto rosso da sangiovese molto classico, qui più maturo e persistente. Nervoso in una beva scorrevole, sempre piacevole, che finisce con slancio.

Chianti 2023 – Tenuta San Vito (Montelupo Fiorentino-Firenze)
Frutto rosso suadente al naso, ribadito in una bocca leggera setosa e molto saporita sui toni di ribes, fragola e lampone.

Chianti con specifiche geografiche

Chianti Colli Senesi Torri 2023 – Pietraserena (San Gimignano-Siena)
Di colore porpora brillante è ampio e leggero sulle note di frutta rossa esposte con bella persistenza. Leggerezza sul palato in una beva dissetante e saporita.

Chianti Montalbano Moro Albano 2023 – Podere La Botta (Capraia e Limite-Firenze)
Note olfattive di fragola e lampone vengono ribadite in una bocca di buona freschezza, che acquisisce anche una bella consistenza e intensità gustativa nel finale.

Chianti Montalbano 2023 – Tenuta di Artimino (Carmignano-Prato)
Buona finezza ed eleganza nella esposizione di un frutto di bosco e di spunti balsamici. Spessore, densità e scorrevolezza in un palato che termina tratteggiato da un tannino fine.

Chianti Colli Fiorentini – Fattoria San Michele a Torri (Scandicci-Firenze)
Un opulento frutto rosso maturo domina l’olfatto. Bella la beva, saporita, intensa e vibrante.

Chianti Colli Fiorentini Crociferro 2022 – Fattoria di Torre a Cona (San Donato in Collina-Rignano sull’Arno-Firenze)
Naso fine, levigato e seducente, dominato da un frutto rosso ribadito in una beva molto saporita e conclusa da un finale percussivo.

Chianti Colli Fiorentini 2022 – Lanciola (Impruneta-Firenze)
Frutto rosso fragrante al naso, ribadito in una bocca levigata e setosa, piacevole e saporita.

Chianti Colli Fiorentini 2022 – Marzocco di Poppiano (Montespertoli-Firenze)
Colore porpora cupo e fitto: al naso un frutto bosco fragrante, accompagnato da note balsamiche. In bocca è coerente, sfoggia buona succosità, energia, anche se forse alla lunga la beva appare un tantino rigido.

Chianti Colli Fiorentini 2022 – Malenchini (Bagno a Ripoli-Firenze)
Bel colore rubino e naso ampio intenso, giocato sulle sensazioni di fragola e lampone. Coerente in bocca dove è pieno, finemente increspato in un finale segnato dall’apporto del rovere.

Chianti Colli Fiorentini Diletta 2022 – Malenchini (Bagno a Ripoli-Firenze)
Colore violaceo fitto più giovanile. Frutto bosco fragrante al naso e di nuovo tanta struttura in una beva ancora giovane e scalpitante, e di buona freschezza.

Chianti Montespertoli 2022 – Castello Sonnino (Montespertoli-Firenze)
Naso dominato da seducenti note mature, fragranti e ampie di ribes rosso, fragola e lampone. Conferma in una beva leggera e fragrante che termina ampia e piena di energia.

Chianti Montespertoli 2022 – Montalbino (Montespertoli-Firenze)
Colore violaceo fitto e naso e dominato da ribes nero e mirtillo affiancati da toni balsamici. Bocca piena, coerente, e qualche spigolo in un finale giovanile che ha una spinta forse inferiore a quel che ci si sarebbe attesi.

Chianti Montespertoli 2023 – Montalbino (Montespertoli-Firenze)
Di colore violaceo, non si mostra al naso intensissimo ma è fragrante, ed è fresco in una bосса che va in buona progressione gustativa accompagnata da bella succosità.

Chianti Rùfina La Fuga 2022 – Borgo Macereto (Dicomano-Firenze)
Di colore violaceo fitto mostra un olfatto Intenso e persistente, sulle note di frutta di bosco fragrante. Coerente in una bocca fresca e saporita dove sfoggia tanta energia e succosità nel finale

Chianti Rùfina 2022 – Colognole (Pontassieve-Firenze)
Di colore porpora, esprime con buona intensità e persistenza un frutto saporito, assieme a più lievi toni floreali. Compatto e vellutato, mostra un rovere che “morde” un po’.

Chianti Rùfina San Giuliano 2022 – Marchesi Gondi (Pontassieve-Firenze)
L’espressività al naso, che esprime un bel frutto maturo, è forse solo discreta. Ma poi la beva è pimpante, fresca, saporita e va in bella progressione di energia. Finale succulento.

Chianti Superiore

Chianti Superiore 2022 – Castello del Trebbio (Pontassieve-Firenze)
Colore rubino con belle trasparenze; al naso è ampio e intenso sulle note di frutta rossa, polpa di pomodoro e spezie; la beva è fresca, spigliata, vibrante e saporita.

Chianti Superiore 2022 – Colognole (Pontassieve)
Naso ampio, delicato e suadente; bocca compatta, fresca, saporita e di buona larghezza.

Chianti Superiore Voce alla Terra 2022  – Fattoria di Poggiopiano-Galardi (Fiesole-Firenze)
Stenta un pochino a esprimersi al naso ma poi in bocca è delicato, fresco e fragrante.

Chianti Superiore Casalini 2022  – Fattoria di Fibbiano (Terricciola-Pisa)
Bel rubino alla vista; un naso che esprime con profondità una frutta rossa prelude ad una bocca caratterizzata da consistenza, intensità gustativa, ma anche buona bevibilità. Finale con bella energia e in crescendo.

Chianti Superiore 2022  – Fattoria Uccelliera (Crespina-Pisa)
Di colore violaceo si esprime su note olfattive balsamiche e di liquirizia, e anche con un fragrante frutto nero. Maturità e dolcezza forse un tantino accentuate in bocca.

Chianti Superiore Rio Camerata 2022  – Piazzano (Empoli-Firenze)
Frutto rosso maturo ma fragrante, intenso e persistente. Ingresso in bocca subito fresco in un vino bevibile, leggero, pimpante.

Chianti Superiore 2022 – Villa Saletta (Palaia-Pisa)
Il naso è caratterizzato da un frutto assai maturo, con la prugna in primo piano. Conferma in una bocca che sa essere contrastata, reattiva e leggera.

Le Riserve

Chianti Riserva I Sodi del Paretaio 2021 – Badia di Morrona (Terricciola-Pisa)
Colore porpora fitto e naso leggero, caratterizzato da note di erba tagliata ad affiancare il frutto piccolo di bosco. In una bocca succosa e di discreto impatto si avvertono note boschive, di resina e un tannino fine in un finale di bella energia.

Chianti Riserva 2021 – Beconcini Winery (San Miniato-Pisa)
Colore rubino pieno, e naso maturo e speziato. Buona progressione gustativa in una beva piacevolmente scorrevole e increspata nel finale.

Chianti Riserva Le Cerrine 2021 – Cantina Gentili (Cetona-Siena)
Un colore rubino-porpora di consistenza leggera prelude ad un buon naso suadente e accattivante e a un palato spesso, potente e forse un po’ statico, con un rovere che si avverte chiaro in un finale di discreto impatto che configura un vino ancora da assestarsi completamente.

Chianti Riserva 2021 – Castello di Oliveto (Castelfiorentino-Firenze)
Colore rubino e naso peculiare fra toni di polpa di pomodoro e arancia sanguinella. In bocca manca un pochino di spinta.

Chianti Riserva 2021 – Fattoria La Leccia (Montespertoli-Firenze)
Colore rubino e olfatto vellutato e lieve. Buona conferma in una bocca leggera che “spinge” con energia e si allarga nel finale.

Chianti Colli Fiorentini Riserva San Giovanni Novantasette 2021 – Fattoria San Michele a Torri (Scandicci-Firenze)
Colore violaceo fitto, e un naso che esprime un frutto molto maturo con discreta intensità e persistenza. Bocca compatta, potente con un tannino gagliardo a siglare un finale che ci si sarebbe atteso più propulsivo.

Chianti Colli Fiorentini Riserva Terre di Cino 2021 – Fattoria Torre a Cona (San Donato in Collina-Rignano sull’Arno-Firenze)
Colore porpora intenso e naso maturo, di discreta intensità, in cui si intravvedono spunti di grafite; palato coerente, vellutato che acquista in freschezza approssimandosi ad un finale dove si avverte un bel rilancio gustativo.

Chianti Colli Fiorentini Riserva Badia a Corte 2021 – Fattoria Torre a Cona (San Donato in Collina-Rignano sull’Arno-Firenze)
Più spostato verso il frutto rosso maturo affiancato da toni floreali più leggeri. Anche qui bocca leggera, succosa, fresca.

Chianti Colli Fiorentini Riserva 2021 – Marzocco di Poppiano (Montespertoli-Firenze)
Naso molto intenso e pieno di ribes e mirtillo. Al palato si avverte qualche spigolo.

Chianti Montespertoli Riserva Il Guido 2021 – Tenuta Barbadori (Montespertoli-Firenze)
Di colore porpora fitto, al naso lascia l’apporto del rovere. Bocca articolata, viva e dinamica, fresca, ancora un po’ spigolosa

Chianti Colli Senesi Riserva Caulio 2021 – Pietraserena (San Gimignano-Pisa)
Ampio, elegante, anche floreale in un naso impeccabile e vivo. Bocca energica e pungente, leggera sul palato, sapida  e ampia nel finale,

Chianti Montespertoli Riserva 2021 – Tenuta Moriano (Montespertoli-Firenze)
Colore violaceo cupo e naso dominato da un frutto nero carnoso, molto primario. Il rovere si avverte all’ingresso in bocca: vino ancora in fase di assestamento.

Chianti Rùfina Riserva del Don 2021 – Colognole (Pontassieve-Firenze)
Frutta rossa gentile e suadente al naso. Bel nerbo in una bocca reattiva, fresca, discretamente espressiva.

Chianti Rùfina Riserva Pian dei Sorbi 2021 – Marchedi Gondi (Pontassieve-Firenze)
Colore porpora fitto. Un naso garbatamente maturo viene confermato in una bocca fresca e succosa più che saporita

Chianti Rùfina Riserva Vigneto Monte Terraelectae 2020 – Vinae Montae (Pontassieve-Firenze)
Naso profondo, pieno di frutti di bosco. In bocca concentrazione e compattezza ma anche freschezza, e una beva che tiene bene, progressiva e saporita fino al finale.

Chianti Rùfina Riserva Vigna Colonneto Terraelectae 2020 – Villa Travignoli (Pelago-Firenze)
Intenso e ampio al naso con una bella frutta rossa, elegante e persistente. Buona freschezza in una beva dalla spinta forse limitata ma assai piacevole nel finale.

Chianti Rùfina Riserva Vigna Poggio Diamante Terraelectae 2020 – Marchesi Gondi (Pontassieve-Firenze)
Naso maturo e seducente, polposo e profondo. Ben percepibile la tostatura, ma anche la freschezza. Finale un tantino in calando.

Chianti Rùfina Riserva Vigna Montefiesole Terraelectae 2020 – Grignano Tenuta Inghirami (Pontassieve-Firenze)
Naso elegante e delicato, giocato fra sensazioni floreali e sfumature di erbe aromatiche. In bocca è leggero, sfumato, fresco, ha trama vellutata e termina ampio ed espressivo.

Chianti Rùfina Riserva Vigna Le Rogaie Terraelectae 2020 – Colognole (Pontassieve-Firenze)
Colore rubino con luminose trasparenze, e naso caratterizzato da un frutto rosso rotondo e ben espresso. Beva leggera e fragrante, finale dalle lunghe sensazioni.

Chianti Rùfina Riserva Vigna Casanova Terraelectae 2020 – Fattoria Lavacchio (Pontassieve-Firenze)
Colore violaceo fitto, confettura di mora e toni balsamici che si ritrovano in una beva con evidenti note tostate.

Chianti Rùfina Riserva Vigneto Erchi Terraelectae 2020 – Fattoria Selvapiana (Pontassieve-Firenze)
Bel rubino brillante alla vista e al naso una frutta rossa diretta, seducente, ampia e persistente. In bocca si espande prepotente, mostra una gran bella stoffa rimanendo leggero sul palato.

Chianti Rùfina Riserva Vigneto Lastricato Terraelectae 2020 – Castello del Trebbio (Pontassieve-Firenze)
Bella eleganza e profondità in un naso dagli affascinanti rimandi balsamici. Ingresso in bocca, nervoso, trama che si allarga e buona freschezza. Alla lunga la tostatura del rovere tende a monopolizzare l’assetto gustativo.

 

 

Riccardo Farchioni

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here