Una parcella, un vino

0
2838

Nel mondo della produzione di vini pregiati esistono mille diversi approcci teorici, non pochi dei quali in opposizione frontale fra loro: vini primitivi/vini tecnici, biodinamica/scienza, lieviti spontanei/lieviti selezionati, pagamento in contanti/bonifico alla moglie per prezzolare i “giornalisti specializzati”, e via andare.

Le relative fazioni si fronteggiano aspramente. Pochi concedono il beneficio del dubbio all’altra parte. Tutti abbracciano il tifo da stadio, acritico, cieco; in questo essendo perfettamente coerenti con lo zeitgeist, con lo spirito del tempo (vedansi le analoghe manifestazioni di totale mancanza critica in politica o nella visione sulla salute pubblica).

Un motivo di discussione, se non proprio di scontro polemico, insiste nell’opposizione “vino da taglio/vino da singola vigna”. Il problema in tutta evidenza non si pone se un vignaiolo può vinificare uve provenienti da una singola parcella di – per dire – un ettaro.
Quella terra vitata possiede, quella si sciroppa.

Ma se invece si viene a nomi blasonati quali ad esempio il Barolo, apriti cielo. “Nella tradizione si raccoglievano uve da vigne diverse e si faceva un solo Barolo, non esisteva in etichetta l’indicazione di cru specifici, era casomai un’eccezione”. “Sì però ogni cru ha una sua timbrica, i Barolo di Cannubi non sono i Barolo della Rionda, né quelli di Monvigliero”.
Sì però un grande come Bartolo Mascarello, pace all’anima sua, faceva un solo Barolo da vigne diverse, così come Beppe Rinaldi, pace all’anima sua, faceva un solo Barolo da vigne diverse.” “Sì però” eccetera.

Una particolare convinzione filosofica porta all’esasperazione il concetto di cru: “un vigneto, una parcella, un vino” è il motto de I Parcellari, firma molto giovane del vino piemontese. Qualche mese fa mi ha scritto Davide Canina, il fondatore dell’azienda che ha sede a Govone, nel Roero (ma a pochissima distanza dall’astigiano). Dopo un paio di piacevoli chiacchierate ho potuto assaggiare alcuni vini, prodotti con la collaborazione con Agostino Malvicino (che a dispetto del cognome vagamente ostile si è rivelato, pare, un confinante molto cordiale).

Sono attualmente sul mercato una settina di etichette: uno Chardonnay, un Sauvignon, un Grignolino, una Barbera, un Ruchè, un Nebbiolo, un Albarossa. Li accomuna uno stile sobrio, che si tiene al riparo da effettacci esibizionistici in termini di potenza estrattiva o di saturazione aromatica da rovere nuovo.

Personalmente ho apprezzato particolarmente il Sauvignon, fresco senza essere teso, mosso senza essere elettrico, agile senza essere ossuto; e soprattutto il Nebbiolo, davvero delicato nell’estrazione e sottile nello sviluppo aromatico. Certo,  tale Nebbiolo non ha la profondità e l’articolazione dei grandi rossi langaroli, ma nemmeno ambisce, a quanto capisco, ad averle.
Si beve di molto bene, senza scodate brucianti per l’alcol, e questo è già un pregio raro di questi tempi infuocati.

___§___

Fabio Rizzari

Giornalista professionista. Si è dedicato dalla fine degli anni Ottanta ad approfondire i temi della degustazione e della critica enologica professionale. Ha collaborato con Luigi Veronelli Editore, casa specializzata in critica enologica e gastronomica, e dal 1996 ha lavorato, come redattore ed editorialista, presso il Gambero Rosso Editore. È stato collaboratore e redattore per la Guida dei Vini d’Italia edita da Gambero Rosso Editore e Slow Food. È stato per diversi anni curatore dell’Almanacco del Berebene del Gambero Rosso Editore. È stato titolare, in qualità di esperto di vino, di diverse rubriche televisive del canale tematico Gambero Rosso Channel. È stato relatore per l’AIS, Associazione Italiana Sommelier. È stato membro del Grand Jury Européen. Dal 2003 al 2015 è stato curatore, insieme a Ernesto Gentili, della Guida I Vini d’Italia pubblicata dal gruppo editoriale L’Espresso. Del 2015 è il suo libro “Le parole del vino”, pubblicato dalla Giunti, casa editrice per la quale ha firmato anche – insieme ad Armando Castagno e Giampaolo Gravina – “Vini da scoprire” (2017 e 2018). Con gli stessi due colleghi è autore del recente “Vini artigianali italiani”, per i tipi di Paolo Bartolomeo Buongiorno. Scrive per diverse testate specializzate, tra le quali Vitae, il periodico ufficiale dell’AIS.

Previous articleAndrea Machetti nuovo direttore del consorzio Brunello di Montalcino
Next articleOreste Buzio e il Grignolino del Monferrato Casalese
Giornalista professionista. Si è dedicato dalla fine degli anni Ottanta ad approfondire i temi della degustazione e della critica enologica professionale. Ha collaborato con Luigi Veronelli Editore, casa specializzata in critica enologica e gastronomica, e dal 1996 ha lavorato, come redattore ed editorialista, presso il Gambero Rosso Editore. È stato collaboratore e redattore per la Guida dei Vini d’Italia edita da Gambero Rosso Editore e Slow Food. È stato per diversi anni curatore dell’Almanacco del Berebene del Gambero Rosso Editore. È stato titolare, in qualità di esperto di vino, di diverse rubriche televisive del canale tematico Gambero Rosso Channel. È stato relatore per l’AIS, Associazione Italiana Sommelier. È stato membro del Grand Jury Européen. Dal 2003 al 2015 è stato curatore, insieme a Ernesto Gentili, della Guida I Vini d’Italia pubblicata dal gruppo editoriale L’Espresso. Del 2015 è il suo libro “Le parole del vino”, pubblicato dalla Giunti, casa editrice per la quale ha firmato anche – insieme ad Armando Castagno e Giampaolo Gravina – “Vini da scoprire” (2017 e 2018). Con gli stessi due colleghi è autore del recente “Vini artigianali italiani”, per i tipi di Paolo Bartolomeo Buongiorno. Scrive per diverse testate specializzate, tra le quali Vitae, il periodico ufficiale dell’AIS.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here